Sala Galleria Campari
Europa Milano

Milano: Galleria Campari, red passion

on
25/02/2020

Galleria Campari di Milano una visita alla scoperta dell’affascinante mondo Red Passion fra architettura, marketing, comunicazione pubblicitaria ed oggetti di design. 

La mia “passion” è quella di esplorare luoghi insoliti quelli lontani dai classici circuiti turistici:la Galleria Campari di Milano è uno di questi.

Scoperto l’esistenza di questo posto ho inserito la Galleria Campari, insieme al percorso Dialogo nel buio, assolutamente da non perdere.

Ma cosa è la Galleria Campari

Una visita alla suggestiva Galleria Campari di Milano è un racconto di sogni, visioni ed intuizioni che profuma di spezie e narra la storia del costume italiano degli ultimi 100 anni.

E’ un viaggio, un percorso tra arte, design e comunicazione pubblicitaria attorno al mondo Campari ma non solo.

Spot pubblicitari brand galleria campari milano

E’, anche una testimonianza dell’ingegno e della capacità di rinnovamento della famiglia Campari dal suo capostipite fino ai giorni nostri.

Una storia di un uomo “partito da zero” che ha contribuito, grazie ad una passione, a scrivere una delle pagine più brillanti del panorama

imprenditoriale italiano.

Storia

L’uomo è Gaspare ed il suo destino era quello di fare l’agricoltore come i genitori -“ campari” , il suo cognome stava ad indicare i contadini che irrigavano i campi-.

Ma Gaspare ha altri progetti per sé stesso, lascia la sua famiglia e si trasferisce a Torino per rincorrere i suoi sogni, quello di creare liquori.

Impara il mestiere di liquorista, lascia la città ed apre a Novara il caffè dell’amicizia.Ma non si ferma, lui desidera di più e si trasferisce a Milano

ed apre una sua bottega.

Come l’Apprendista stregone di Walt Disney, giorno e notte, miscela, distilla i suoi elisir di erbe aromatiche fino a quando non crea la “pozione

magica” che decreterà l’ascesa al successo della famiglia Campari, il Bitter all’uso di Hollandia.

Ma è con Davide Campari, figlio di Gaspare, uomo di aperte vedute che l’attività assumerà connotazioni imprenditoriali.

Nasce l’azienda Davide Campari, una realtà destinata a brillare nel panorama italiano. Da brillante uomo di marketing e di comunicazione

trasforma l’azienda.

Apre nel 1867, in Galleria Vittorio Emanuele, il Caffè Camparino un locale destinato a diventare un famoso luogo di incontro di artisti di fama

internazionale che si incontrano in questo luogo per sorseggiare un bitter Campari.Suggella sodalizi importanti con artisti del calibro di Marcello

Dudovich o Depero il disegnatore della storica bottiglia -un calice rovesciato-in stile futurista del Campari.

Nel 1904 acquista un edificio a Sesto San Giovanni, una villa neoclassica, detta Casa Alta per costruire la fabbrica dell’azienda Campari attiva fino al 2005.

Dal 2009 l’azienda, grazie agli architetti Botta e Marzorati ha un nuovo volto proiettato verso il futuro. 

Della storica sede rimane solo una parte della facciata esterna liberty che gli architetti hanno voluto inglobare e mantenere per creare un

legame indissolubile tra il passato ed il presente.Nel 2010, in occasione dei 150 anni di vita dell’azienda, si inaugura la Galleria Campari, 

testimonianza del connubio storico tra il brand Campari e la sua comunicazione espressa attraverso arte e design.

la mia visita:Galleria Campari

Se dovessi rappresentare la mia visita alla Galleria Campari, quello che mi viene in mente è un’esplosione di colore che si svela

prepotentemente solo all’interno.All’esterno domina un rosso mattone.

Tutto il complesso- uffici ed unità immobiliari comprese- è dominato da questo colore molto diffuso a Sesto scelto come,spiega la guida,dagli

architetti per sottolineare l’interazione tra l’architettura e il luogo. 

L'esterno della galleria campari di Milano

Dopo una breve visita degli spazi interni, l’Agorà, le unità immobiliari ed il parco con il ristorante Campari si arriva al momento clou.

Deb in Galleria Campari

Il percorso della Galleria Campari si snoda attraverso due sale.

La prima, al piano terra, è dedicata alla storia del brand rappresantata attraverso l’indissolubile interazione tra azienda, arte e pubblicità.

Video-wall con i caroselli dagli anni 50 fino agli anni 70, manifesti d’epoca, grafiche pubblicitarie testimoniano la volontà dell’azienda di

associare da sempre il proprio brand all’arte e il design.

Manifesti d'epoca Camparilicitari

Lo spiritello icona del brand bitter campari

L’altra sala, al secondo piano, protagonista assoluto è tutto il mondo che gira intorno al prodotto ed il colore rosso passion avvolge il visitatore e

lo immerge in un’esperienza sensoriale unica.

La sala dedicata agli oggetti legati al prodotto

Bicchieri, shaker, bottiglie da bar ed oggetti di merchandising fino alle iconiche bottigliette di Depero animano questo spazio.

Oggetti legati al brand Campari

Buono a sapersi

La Galleria Campari di Milano è aperta dal martedi al venerdi.

L’ingresso è gratuito ma è necessaria la prenotazione – obbligatoriamente – tramite mail galleria@campari.com 
Il percorso dura circa un’ora e mezza.

Per maggiori informazioni consultate www.campari.com/it

Conoscevate la Galleria Campari?Cosa pensate di questo luogo?

 

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT