Las Fallas
Europa Valencia

Las Fallas,la festa più pazza di Valencia

on
06/01/2020

 

 

Partecipare alla festa di Las Fallas che si svolge a Valencia nel mese di marzo è un’esperienza assolutamente da non perdere.

Valencia,durante Las Fallas, si trasforma in una galleria d’arte a cielo aperto che ospita centinaia di “sculture”destinate-ahimè-a sparire.

Ma non vi voglio anticipare nulla,a breve vi svelerò tutto.

Faccio una premessa,non conoscevo l’esistenza di questa festa.

Come,di consueto prima di ogni mia partenza,ho l’abitudine di raccogliere in Internet informazioni pratiche ma non solo.

Mi piace andare “a caccia”di qualcosa di particolare,di diverso da vivere,un luogo meno turistico,un’esperienza insolita o un locale originale.

Ho scoperto,cosi durante le mie ricerche per il viaggio a Valencia,la festa di Las Fallas.

Cosi,ho acquistato un biglietto per Valencia nel mese di Marzo per poter scoprire la città e partecipare alla festa di Las Fallas.

Oggi vi racconto la mia esperienza,un’esperienza assolutamente da fare almeno una volta nella vita.

Origini della festa Las Fallas

La festa de Las Fallas ha origine da un’antico rituale dei falegnami che usavano nella notte del 19 marzo,dare il benvenuto alla

primavera,bruciando davanti ai loro laboratori strutture in legno,i parots, utilizzati durante l’inverno per alzare le lampade che servivano per

illuminare gli ambienti.

A poco a poco,questi pezzi di legno furono “umanizzati” dandogli forma di piccoli pupazzi che,insieme a vecchi mobili e stracci,venivano bruciati

il giorno di San Giuseppe,patrono dei falegnami,in un falò purificatore.

Da questa antica tradizione è nata la festa di Las Fallas che trasforma Valencia,dal 1 al 19 marzo, da cittadina tranquilla in una giostra di

suoni,odori,colori con le sue sfilate di costumi tradizionali,fuochi,manifestazioni e spettacoli pirotecnici.

La festa oggi

Una settimana prima dell’inizio della festa,uno spettacolo di luci e pirotecnico,La Cridà,annuncia a Torres de Serranos l’apertura de Las Fallas.

La Torres Serranos

Anche se l’apice della festa si svolge nella settimana dal 15 al 19 marzo,Valencia inizia a festeggiare già dal 1 marzo con la Mascletà a Plaza

del Ayuntamiento,la piazza del Comune.

Alle 14 di ogni giorno,per tutto il tempo della manifestazione,l’area della piazza viene recintato e riempito di petardi. Questa è la Mascletà. 

A me non è piaciuto perché non amo i petardi quindi trovarmi in mezzo ad una folla oceanica tra migliaia di petardi che scoppiano

contemporaneamente non è stato particolarmente piacevole.

Uno spettacolo “sonoro”troppo assordante per le mie povere orecchie…

Consiglio,quindi se come me non amate i petardi di stare lateralmente alla zona recintata in modo da poter assistere due minuti allo

spettacolo ed andare via facilmente.

A partire dalla notte del 15 di marzo,si svolge la Planta. Migliaia opere d’arte di cartapesta,i ninots,dalle dimensioni notevoli(alcuni possono

superare i 20 mt di altezza) rappresentanti personaggi di spicco,oggetto di derisione popolare,vengono installate in tutte le strade e le piazze di

Valencia.

Ogni quartiere-amministrazione fallera-ha il suo ninot. Per realizzare un ninot si lavora quasi un anno organizzando iniziative per raccogliere

fondi visto il costo parecchio elevato.

Sono arrivata a Valencia nel tardo pomeriggio del 16 marzo ed ho trovato Valencia colorata da migliaia di sculture.

Las fallas di Valencia

Gironzolare per la città durante Las Fallas è stata un’esperienza straordinaria.

Le strade sono chiuse al traffico,migliaia di persone si riversano nelle strade e piazze a fare baldoria,molti sfilano con gli abiti tradizionali e ogni

quartiere si attrezza per preparare la paella in strada.

Donne in abiti tradizionali della festa Las fallas di Valencia

La sfilata della fallera infantil della festa di valencia

Vi confesso che la paella preparata nei pentoloni lungo la strada dalle signore valenciane è strepitosa,nulla a che vedere con quella dei

ristoranti.E poi stare seduti sul marciapiedi a mangiare con i locali è veramente divertente.

Nei giorni 17 e 18 di marzo si svolge uno degli atti piú toccanti della festa:l’offerta dei fiori alla Vergine dei Senzatetto (la Virgen de los

Desemparados).

I valenciani,in abiti tradizionali,accompagnati da bande musicali,offrono i fiori alla Madonna.

La sfilata per l' offerta-fiori dei fiori alla Vergine per la festa de Las fallas

Dalle 22 del 19 marzo i festeggiamenti si concludono con l’incredibile spettacolo la “Cremá”.Le meravigliose opere d’arte da quelle più piccole

a quelle più grandi vengono bruciate.

Solo una,delle 700,giudicata la migliore dal popolo sarà conservata nel Museo Fallero.

Ora capite perché ho scritto ahimè all’inizio di questo articolo perchè queste sculture sono meravigliose e vederle ridotte in cenere è un vero

peccato.

Assistere alla Cremà suscita un misto di timore ed eccitazione.

Spesso questi capolavori sono installate in piccoli quartieri che,al momento della Cremà vengono delimitati dai vigili del fuoco per “difendere”i

palazzi e le persone dalle fiamme alte metri.Uno spettacolo ipnotico!

Buono a sapersi

Nel 2020 de Las Fallas si terrà dal 15 al 19 marzo 2020.Per maggiori informazioni su tutti gli eventi ed appuntamenti della festa potete consultare il sito

http://fallas.com  

Ti ha incuriosito questa festa?

Sei in cerca di altre feste pazze leggi anche Amori perduti e pazza goliardia color arancio: Amsterdam, Koningsdag

 

TAGS
RELATED POSTS

LEAVE A COMMENT