Food Experience Tel Aviv

Vegan a Tel Aviv

on
05/10/2018

Essere Vegan a Tel Aviv è facilissimo.

Prima di partire,ho letto,che Tel Aviv è stata considerata la capitale mondiale del veganesimo per la sua abbondante offerta di ristoranti,bar,bistrot e,persino negozi di abbigliamento.

Questo articolo mi ha acceso una “lampadina”,perché non inserire nel mio viaggio un “tour”vegano?

E cosi’,con i consigli di un mio amico di Tel Aviv, ho preparato un elenco di posti da provare.Nonostante non mi sia fermata un attimo ,in quattro giorni, non sono riuscita a provare tutti i luoghi raccomandati da Morris (il mio amico israeliano)…..mi toccherà tornare.

Quelli che ho provato:

Uno dei più popolari,si trova nel suggestivo quartiere Neve Tzedek , Meshek Barzilay.Ho cenato in un gradevole patio,coccolati da una musica di sottofondo. La loro Moussaka veg è veramente buona.Il locale è aperto tutto il giorno,dalla colazione alla cena.

ingresso ristorante vegan Meshek Barzilay

il quartiere Neve Tzedek, Meshek Barzilay

Per gli amanti dello shopping pazzo in Dizengoff 50 c’è il Dizengoff Center.Non amo i centri commerciali, sono entrata, solo, per sfuggire al grande caldo.Allo shopping, ho preferito gustare un’ottima insalata con bulgur, ceci e mandorle veramente buona al Freshshop (si trova difronte al secondo ingresso del centro commerciale)

Freshshop in Dizengoff 50 al centro commerciale di Tel Aviv

Dopo una piacevole passeggiata nel lungomare,mi sono concessa una pausa pranzo nel bistrot vegano Anastasia in 54 Frishmann.E’ il primo caffè vegano di Tel Aviv. Offre menu crudisti e senza glutine.Funziona,anche,come punto vendita di prodotti bio.

Da amante degli animali,ho trovato un’idea carina,allietare l’attesa dei “quattro zampe”con una ciotola d’acqua e croccantini all’ingresso.

Il bistrot vegan Anastasia di Tel Aviv

L'interno del bistrot Anastasia di Tel avivi

A Tel Aviv , sempre più designer di moda si sono lanciati nella produzione di beni “cruelty free” .

Il mio ” battesimo” con una boutique vegan è stato con Lydia Rener Studio in Rambam 5 , specializzata nella creazione di borse ed accessori.

L'interno del negozio vegan Lydia Rener di Tel Aviv

Prima di partire ,mi ero annotata anche,altri due indirizzi.Peccato non aver avuto il tempo per andare…al prossimo viaggio.

Roni Kantor in Dizengoff St. 78 specializzato in abbigliamento vintage e Shani Bar in mikve israel 3,negozio di scarpe.

Non provati : (consigliati da chi vive e conosce Tel Aviv)

DosaBar: 188 Ben Yehuda St (purtroppo l’abbiamo trovato chiuso).Ristorante indiano rivisitato in chiave vegan.

Jars and Bowls :1 Rotschild Blvd: offre cucina vegana e senza glutine.

Goodness Vegan: King George 41.

Consiglio:non andate al ristorante senza prenotare.Spesso i locali sono pieni e si rischia di non trovare posto o di aspettare parecchio.

Tel  Aviv è una città frenetica. Spesso può capitare, di arrivare in un ristorante e trovarlo chiuso perchè il proprietario ha aperto un’altro locale o si è spostato in altra zona.Quindi informatevi prima, per essere certi che è il locale è,ancora,aperto.

Concludo questo post confidando un piccolo segreto …..prima di questo viaggio ero abbastanza scettica verso la cucina vegana. In passato,ho provata una cena vegan preparata da una mia amica e non sono rimasta del tutto soddisfatta,tanto da dichiarare mai più.

Con questo “tour” vegan a Tel Aviv mi sono ricreduta.Si può mangiare “cruelty free”con gusto e piacere.

Provare per credere!

TAGS
RELATED POSTS
2 Comments
  1. Rispondi

    Diana

    11/03/2019

    Post interessante, non c’avrei mai pensato!

    • Rispondi

      Deb di Valentino

      12/03/2019

      E si mangia anche molto bene….:-)

LEAVE A COMMENT