Zanzibar :serata sex and city africana
Food Experience Zanzibar

Corso di cucina a Stone Town

on
09/08/2018

Un giorno in ufficio,durante la classica pausa caffè,un mio collega,instancabile viaggiatore come me ,mi racconta di aver partecipato in Iran ad un corso di cucina con cena conclusiva.
Perché non ci avevo mai pensato?

“Meglio tardi che mai”

Ho,immediatamente ,realizzato che dovevo correre subito ai ripari.Ed eccomi a raccontare la mia prima esperienza di cena a casa a Stone Town!

Metti una spesa,con un’allegra e ciarliera signora zanzibarina, in un caotico e colorato mercato di Stone town. Aggiungi un rocambolesco percorso verso casa in un piccolo bus locale,acciuffato al volo,pieno di gente assiepata e chiassosa.Condisci il tutto, con una sorella altrettanto ospitale,che ti accoglie come se fossi la più cara amica o un caro parente e l’esperienza è servita.

Alisa e sua sorella Ama,ci hanno aperto le porte della loro umile casa e del loro cuore condividendo con noi i segreti della loro cucina e la loro semplice,ma complessa quotidianità.

Ana cucina

L‘esperienza è veramente divertente.Cucinare insieme,mangiare a terra seduti su un tappeto,decorativo per noi ,mentre per loro,utilizzato come una tovaglia.

Cucinare stonetown con Ana per la cena

Indossare il Kanga, che in Swahili,Alisa,ci ha spiegato significa”gallina faraona”perché fa riferimento ai suoi colori sgargianti,è un indumento uguale al “nostro” pareo.Il suo utilizzo ci ha spiegato Alisa,ha profondi significati politici e sociali.Con le diverse decorazioni e colore del Kanga si comunicano svariate condizioni sociali e stati d ‘animo.Il colore di un kanga ,per esempio,indossato da una donna,può indicare che è pronta a sposarsi o a divorziare o il rosso e nero viene indossato dalle spose nel giorno del matrimonio.

Ed allora,dopo averci aperto le porte della conoscenza del Kanga,Alisa ci ha insegnato come indossarlo.

Come perfette donne zanzibarine,abbiamo cenato a terra ed abbiamo trascorso la serata all’insegna dell’allegria e di tante risate.

Mangiare a terra come le zanzibarine di stone town a Zanzibar

Alisa è una donna travolgente,ha animato il tempo trascorso,raccontandoci tante curiosità sul suo paese,compreso,particolari piccanti sugli uomini della sua terra.Una serata,appunto,stile“Sex and city” in chiave africana.

Una cena a stonetown stile sex and city in chiave africana

Il nostro “menu” composto da cibi semplici,devo ammettere,non ci ha particolarmente esaltato.Tutto,esageratamente,speziato, ma l’esperienza vissuta rimarrà per sempre nella nostra memoria e,soprattutto nel nostro cuore.

Cenare a casa a stonetown otnetowe Più che l’esperienza culinaria è stata quella umana che mi ha colpito di più.In questa maniera,attraverso le persone,sono riuscita,seppur superficialmente,a cogliere l’anima genuina e semplice di Stone town e dei suoi abitanti.

Una realtà povera, di fatica e di difficoltà, spesso,al limite della sopravvivenza,ma ricca di calore,solidarietà e disponibilità verso il prossimo.

Grazie Alisa e Ana!


Se avete in programma Zanzibar e volete trascorrere una giornata insolita e divertente scrivetemi e sarò felice di darvi i contatti della splendida Alisa….

TAGS
RELATED POSTS
7 Comments
  1. Rispondi

    Emanuela

    24/07/2019

    Grazie per la dritta Deb! Sì anche io cerco sempre di provare qualcosa un pò di diverso ma la il mini corso di cucina mi manca! Cercherò qualcosa che mi suona finchè non arriverò lì 🙂 e ti farò poi sapere come andrà il viaggio 😉

  2. Rispondi

    Emanuela

    24/07/2019

    Un’esperienza che deve essere stata davvero meravigliosa, soprattutto per il contatto umano. Posso chiederti come l’hai trovata? Tra poco partirò per il Sudafrica e l’idea di passare una mezza giornata così mi piacerebbe molto! Grazie per averlo condiviso 🙂

    • Rispondi

      Deb di Valentino

      24/07/2019

      Si Emanuela è stato veramente bella ed intensa questa esperienza.Nei miei viaggi cerco sempre di inserire qualche cosa di diverso.
      Mi ero messo in testa che volevo fare questa esperienza ed ho “girovagato” per il web finchè sono riuscita nel mio intento.Scovare questo tipo di esperienze non è facile o meglio c’è da perdere un pò di tempo a cercare.
      Se non hai tempo e pazienza potresti vedere nel sito eatwith ….è un sito suddiviso per città che offre cene o pranzi in casa.
      Il Sudafrica è un paese meraviglioso,forse uno tra i viaggi più belli che ho fatto.Ha anche inagurato i miei viaggi in libertà.
      Fammi sapere poi del tuo viaggio

  3. Rispondi

    Giordana Querceto Bartels

    23/07/2019

    bellissimo il significato del Kanga e stupenda la tua esperienza! Amo questo tipo di esperienze in viaggio! e bellissimo il tuo blog!

    • Rispondi

      Deb di Valentino

      24/07/2019

      Giordana io ti ringrazio veramente tanto del tuo complimento perchè ho “costruito”questo blog da sola partendo da zero ed è bello ricevere un riscontro positivo,di nuovo grazie!

  4. Rispondi

    Maria Domenica Depalo

    18/06/2019

    Sicuramente è stata un’esperienza esaltante e ricca soprattutto da un punto di vista umano. Scoprire cuori ospitali e condividere momenti di convivialità profondi non possono che arricchire il proprio vissuto umano.
    Maria Domenica 🙂

  5. Rispondi

    Anna Manconi

    20/08/2018

    Una piacevole e divertente serata in chiave femminile piena di colore e fortemente speziato.

LEAVE A COMMENT

Italia

Siciliana, viaggiatrice per passione, lettrice instancabile, amante degli animali. Superati gli “anta” già da un po’ mi piace ancora giocare. Balocchi preferiti: un taccuino per annotare tutti i miei vagabondaggi, una macchina fotografica per i miei scatti insoliti e un vecchio zaino azzurro e giallo compagno fedele di tutte le mie esplorazioni intorno al mondo.

Seguimi su Facebook
Archivi